Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

SPETTACOLO: SALA GREMITA IN SENATO PER L'EVENTO IN RICORDO DI PAOLO GRASSI

Roma, 11 dicembre 2019 - Una folta rappresentanza di pubblico ha gremito quest’oggi la Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani in occasione dell’evento “RICORDO DI PAOLO GRASSI”, organizzato dall’AGIS – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo con il patrocinio del Senato della Repubblica e dedicato allo storico impresario e direttore teatrale in occasione del centenario della sua nascita. Particolarmente significativa, tra le altre, la presenza in sala della figlia, Francesca Grassi.

Introdotto da Carlo Fontana, Presidente AGIS, l’appuntamento è stato aperto dall’intervento del Senatore e Questore del Senato Antonio De Poli, che ha ricordato come “Grassi possa essere considerato il primo vero manager culturale del nostro Paese e quanto la politica dovrebbe prendere esempio dal suo modello affinché le imprese culturali italiani vengano messe in condizione di esprimere le proprie capacità”.

D’accordo sulla figura innovativa rappresentata da Paolo Grassi anche il Direttore Generale per lo spettacolo dal vivo del MIBACT, Onofrio Cutaia: “L’archetipo del manager culturale – ha sottolineato Cutaia – ed un uomo a cui stava particolarmente a cuore il tema dei giovani. A loro teneva tantissimo ed oggi noi dobbiamo lavorare affinché essi abbiano più spazio, sia in termini artistici che manageriali”.

L’onorevole Alessandra Carbonaro, della 7 Commissione Cultura della Camera, ha posto invece l’accento sul rapporto tra politica e cultura. Secondo la Carbonaro “c’è ancora tanto lavoro da fare, perché troppo spesso quando si parla di spettacolo e cultura si lavora molto a compartimenti stagni. E’ invece importante – ha continuato – che ci sia un rapporto forte tra i vari ministeri”.

Prendendo la parola, il Direttore del Piccolo Teatro di Milano, Sergio Escobar ha dapprima sottolineato il valore di “quanto tramandato da Grassi” prima di focalizzare l’attenzione su alcune criticità. Tra queste quella della frammentazione sociale. “Un problema – secondo Escobar – che rende ancor più necessaria la centralità del Teatro”. Uno spazio – per il direttore del Piccolo - dove il cittadino si conosce per conoscersi”.

A concludere l’evento è stata la proiezione del documentario A lezione da Paolo Grassi, prodotto da Piero Maranghi per Sky Classica HD e curato da Paolo Gavazzeni e Valentina Garavaglia in collaborazione con l’università IULM. Un documentario che, attraverso la testimonianza dell’attuale Presidente AGIS Carlo Fontana, storico assistente di Paolo Grassi e per quindici anni sovrintendente del Teatro alla Scala, ripercorre la vita di Grassi: dalla fondazione e direzione del Piccolo Teatro alla sovrintendenza del Teatro alla Scala, fino alla presidenza RAI, riscoprendone soprattutto il ruolo di operatore culturale, e la sua lezione, sempre molto attuale, su come si debba realizzare e produrre cultura in Italia.

Torna in alto

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni